Modulo di Filtraggio

Modulo di Filtraggio

Come funziona
Il modulo di filtraggio ha il compito di filtrare dei liquidi. Il filtrato è pompato da un serbatoio ad un altro facendolo passare attraverso una gabbia a coltello. Il liquido filtrato raggiunge il secondo serbatoio tramite una valvola a farfalla con servomeccanismo pneumatico e può essere spostato nel modulo successivo usando una pompa separata. Il filtro può essere pulito usando un programma di lavaggio. In questo caso si può utilizzare anche dell’ aria compressa per pulire il filtro dai depositi.

Misura e regolazione

Dei sensori rilevano il livello di riempimento del serbatoio. E’ possibile pertanto implementare delle esercitazioni nelle quali il controllo della pompa è finalizzato al controllo del livello.

Il controllo della pressione assicura un alto livello di filtraggio durante il passaggio del liquido. Il sensore di pressione da sia un’ uscita digitale che analogica e fornisce in tempo reale la grandezza misurata . Il regolatore con gli algoritmi P,PI o PID assicura costantemente che il processo avvenga rispettando i valori impostati dall’ operatore. In questo modo è possibile comprendere in modo facile il suo funzionamento e le tecniche di settaggio.

La gestione del flusso con attuatori industriali

I componenti utilizzati nel modulosono di tipo industriale e possono riscontrarsi anche in applicazioni diverse: la loro conoscenza e la capacità di gestirli sono un requisito fondamentale per la crescita professionale nel settore dei processi continui. Un esempio è l’ uso di valvole di attuazione di tipo NAMUR.

Gabbia a coltello con attuatore lilneare di tipo COPAC.

Valvola a farfalla con attuatore rotativodi tipo COPAR e display digitale.

Valvola 3 vie a sfera con attuatore rotativo di tipo SYPAR e visualizzatore dello stato

Possibili obiettivi per i project works:

  • costruzione, cablaggio e collaudo di un sistema a processo continuo
  • Misura delle variabili di processo quali livello, flusso, temperatura, pressione
  • Progettazione e messa in opera dei circuiti di regolazione.
  • Valutazione dei parametri diregolazione
  • messa in rete di sistemi complessi
  • monitoraggio e gestione di processi continui
  • programmazione di controllori PID e loro ottimizzazione
  • stesura di programmi di regolazione in anello chiuso
  • manutenzione e assistenza di impianti

Supporti didattici raccomandati:

  • FluidLab®-PA
  • Programma di formazione Webbased, Fondamenti sul controllo in anello aperto e chiuso
  • FluidSIM Pneumatics: sw per la progettazione e la simulazione di circuiti elettropneumatici

 

Telefono
02.457.94.289